La serie a fumetti Something Is Killing the Children, pubblicata da BOOM! Studios, scritta da James Tynion IV e disegnata da Werther Dell’Edera, diventerà una serie tv Netflix.

A lavoro sul pilot ci sono Trevor Macy e Mike Flanagan, i registi di Doctor SleepThe Haunting of Hill House. I due saranno anche tra i produttori esecutivi affianco a Stephen Christy, Ross Richie e Mark Ambrose, rispettivamente il presidente dello sviluppo, l’amministratore delegato e il capo del reparto televisione dei BOOM! Studios. Tynion, Dell’Edera e Adam Fasullo, il vicepresidente del reparto televisione della Intrepid Picture, parteciperanno come co-produttori esecutivi.

something killing children netflix

Il nuovo progetto Netflix è ancora alle fasi iniziali ma se dovesse andare avanti Macy sarà lo showrunner. Sarebbe la prima volta per il duo, in quanto solitamente Flanagan è il regista e Macy il produttore. Non è ancora chiaro se Flanagan dirigerà qualcuno degli episodi della serie. Netflix ancora non ha rilasciato dichiarazioni sul progetto.

Something Is Killing the Children ha debuttato nel 2019. Inizialmente Boom! aveva annunciato che la serie sarebbe stata composta da cinque volumi, tuttavia a seguito del travolgente successo la serie è proseguita oltre il limite previsto.

La serie ha inoltre ricevuto una candidatura agli Eisner Award nel 2020 come Miglior Nuova Serie ed è stata tradotta in dieci lingue. In Italia è pubblicata da Edizioni BD.

Di seguito una breve sinossi:

“Quando i bambini di Archer’s Peak cominciano a scomparire, tutto sembra senza speranza. La maggior parte dei bambini non fa più ritorno, ma quelli che lo fanno hanno storie terribili, storie impossibili di creature terrificanti che vivono nell’ombra. La loro unica speranza di trovare ed eliminare la minaccia è l’arrivo di una misteriosa sconosciuta, una che crede ai bambini e sostiene di vedere ciò che loro possono vedere. Il suo nome è Erica Slaughter. Lei uccide i mostri. Questo è tutto ciò che fa, e ne sopporta il costo perché DEVE essere fatto.”

Fonte: CBR