Sono passati 30 anni dalla prima volta in cui Eikichi Onizuka fece la sua comparsa sulla rivista Weekly Shonen Magazine con l’inizio di Shonan Junai Gumi, manga che consacrò Toru Fujisawa.

Qualche anno dopo, precisamente nel 1996, uscì GTO: Great Teacher Onizuka, opera il cui il protagonista teppista biondo decide di diventare un professore delle superiori decisamente fuori dagli schemi.

La storia di Onizuka poi continuò attraverso il prequel Bad Company e differenti spin-off, come GTO: Shonan 14 days e GTO: Paradise Lost.

Come si dice: un’opera omnia a tutto tondo.
Il mangaka, in una recente intervista durante la trasmissione del programma Manganuma, ha annunciato che GTO: Paradise Lost sarà l’ultima serie del manga.
Al momento l’opera è in pubblicazione nonostante diverse pause causa Covid-19, e conta 15 volumi in attivo, pubblicati su Young Magazine.

Ha inoltre aggiunto che la storia potrebbe continuare con altri personaggi secondari al centro dell’attenzione, quindi per ora potremmo non dire completamente addio ad Onizuka.

Per i fan di Fujisawa però c’è ancora speranza, perché l’artista ha confermato la sua intenzione di tornare a mettere le mani su differenti lavori rimasti incompiuti, anche se sarà difficile a causa del lungo tempo in cui sono rimasti fermi.
Inoltre, per chi se lo fosse perso, GTO è disponibile su VVVID e su Amazon Prime Video, doppiato da Massimo de Ambrosis.