“Sì, farò del mio meglio.”

Questo è il tweet comparso sulla pagina personale dell’assistente di Kentarō Miura, artista del colosso giapponese “Berserk”, deceduto il 6 maggio 2021.

L’opera degli anni ’90, che ha condizionato e continuerà ad influenzare l’approccio al fantasy medievale e al dark fantasy, non si sa se avrà un finale.

Dopo l’annuncio della morte prematura del padre del manga, la casa editrice Hakusensha non ha per il momento rilasciato interviste sul futuro dell’opera, ma c’è una speranza sul continuo grazie ai suoi assistenti, visto che non è stata ancora dichiarata ufficialmente chiusa.
Hideki Sugimoto, con pochissime parole, ha rianimato gli animi di tutti i fan del Mondo, ancora addolorati dalla notizia della morte di Miura.

Al momento non si hanno notizie precise, poiché queste semplici parole potrebbero anche riferirsi ad un modo per spronarsi ad andare avanti, ma gli appassionati hanno risposto molto positivamente all’ipotesi di un continuo non scritto dal pugno del maestro.
Per adesso non resta che aspettare notizie ufficiali, con il sogno di vedere concluso il viaggio di Gatsu e di Grifis, ma con l’animo ancora sconvolto per la perdita del di Kentarō Miura, creatore di uno dei migliori manga esistenti.