[ATTENZIONE! L’articolo contiene spoiler riguardo Generations Forged ed il futuro dell’Universo DC]

La DC Comics sta vivendo un momento di grandi cambiamenti, nel 2020 la casa editrice ha vissuto momenti delicati, con una riorganizzazione interna -fatta di importanti licenziamenti- e l’allontanamento di due diversi editor-in-chief.

Con Future State e Infinite Frontier la DC punta al rilancio e proprio su questa strada si pone lo “sconvolgimento” che ha portato con se l’uscita di Generations Forged #1. L’albo, pubblicato nelle scorse ore oltreoceano, getta le basi per uno dei più grandi cambiamenti degli ultimi anni nella storia della casa editrice, andando a toccare un punto che in molti considerano croce e delizia della casa editrice di Burbank: la continuity.

Quell’ammasso tentacolare diramato in molteplici linee, fatte di altrettante molteplici terre e realtà, è stato per anni un grande ostacolo per molti nuovi lettori, interessati ad approcciare le pubblicazioni DC Comics. Negli anni la casa editrice ha tentato di snellire la propria continuity, cercando di ripartire grazie alle famose crisi, tuttavia la storia di questo universo è sempre stata estremamente pregna di vita e spesso si è finito con il commettere l’errore inverso, tentando di imbrigliarne l’essenza e finendo con l’aggiungere sempre più eventi, materiale e nozioni.

Proprio per ovviare a questo aspetto la DC ha scelto di introdurre ed adottare il “Linearverse” con questo Generations Forged, le cui radici affondano direttamente in Death Metal. La DC si è posta la nuovamente la domanda a cui, ciclicamente, da trent’anni a questa parte cerca di rispondere: in che modo si possono far quadrare nella stessa continuity oltre 80 anni di storie?

linearverse

La risposta, questa volta, è stata delle più semplici, se non la più semplice mai proposta: tutto, da oggi, farà parte della stessa continuity.

Sì, avete letto bene. Tutto ciò che è accaduto sin dal 1939 risulta essere parte della stessa, gargantuesca, linea temporale almeno stando a quanto spiegato da Waverider a Batman:

Qui la gente invecchia molto più lentamente, vivendo molto più a lungo di chiunque altro. La tua giovinezza e vitalità dureranno per decadi, permettendoti di essere in forze molto più a lungo del normale.

Come possiamo vedere dalle ultime tavole dell’albo, l’idea alla base del “lineaverse” è che l’Universo DC evolva con i tempi che cambiano, rendendo ogni versione dei vari personaggi la stessa, evoluta con il trascorrere delle decadi. Così ogni evento sarà semplicemente accaduto per ognuno degli eroe che appare nelle pubblicazioni dell’editore.

Ovviamente queste prime novità inserite non sono esenti da errori e critiche logiche se rapportate alla gigantesca mole di eventi che riguarda l’Universo DC, tuttavia sembra essere il punto da cui la major americana vuole ripartire per procedere in modo decisamente più lineare rispetto al passato.

linear verse