Il duo che tanto ha fatto per rendere Venom un personaggio di punta in casa Marvel, ossia Donny Cates e Ryan Stegman, ha annunciato il suo commiato dalla testata a partire dal numero #200, albo che segnerà il rilancio in linea con il fresh start voluto da C.B. Cebulski.

Marvel

Questo numero conclusivo e celebrativo, vanterà una foliazione speciale, nonché la presenza di alcuni autori “speciali” e che forse hanno avuto a che fare con la creazione di Venom (qualcuno ha detto Todd McFarlane?!). Inoltre saranno gettate le basi per il futuro di Eddie Brock e del suo rapporto col simbionte.

Ecco di seguito le dichiarazioni di Donny Cates:

È qualcosa su cui stiamo costruendo giorno dopo giorno. E adesso ci siamo. Io e Ryan ne parliamo continuamente. Parliamo di quando manderà quella pagina di King in Black e si concretizzerà qualcosa che fino a quel momento è stato solo nei nostri pensieri, un particolare momento o una scena a cui abbiamo pensato per quasi quattro anni. È abbastanza surreale. È pazzesco. È la prova di quanto sia stata fantastica la fanbase Marvel e i fan di Venom nello specifico, che hanno supportato davvero tanto questa serie. Che questa folle idea di Knull sia durata così a lungo, e che ce l’abbiamo quasi fatta.

Anche Stegman ha detto la sua in merito all’annuncio apparso sul sito Marvel:

Cerco di spingermi sempre più in là: questo è il mio approccio alla vita e ai fumetti. In questo senso, credo ci fosse una grossa carenza di soddisfazione per ciò che stavo facendo all’epoca. Pensavo che alcune cose fossero ottime, ma è stato quando sono arrivato su Venom che ho iniziato realmente a perfezionare il mio stile. È stato uno dei primi progetti in cui ho pensato: “Ehi, so esattamente cosa fare e come fare in modo che si adatti a me”. All’epoca il mio stile era nebuloso, ma mi sentivo come se avessi iniziato a disegnare veramente solo col numero #1 di Venom. E ora, con King in Black, credo di aver raggiunto la versione definitiva. Se prendiamo la copertina di Venom #200, è come se rappresentasse il picco di ciò che è diventato il mio stile. Certamente continuerò a spingermi sempre più in là, ma mi sento come se avessi finalmente trovato qualcosa. Un po’ mi dispiace essere giunto alla fine di King in Black.

Fonte: Marvel