Candyman: il film è stato rimandato al 2021

L’uscita del remake di Candyman diretto da Nia DaCosta e la sceneggiatura scritta da Jordan Peele, Win Rosenfeld e dalla stessa DaCosta, era prevista per questo 16 ottobre. Adesso, a circa un mese dall’arrivo del film nelle sale, la Universal ha rimandato l’uscita del lavoro.

Secondo quanto diffuso da The Hollywood ReporterMGM, Universal ed il team sono impegnati per l’uscita nelle sale di Candyman, quindi questo  è il motivo per cui il  film è stato rimandato al prossimo anno. Sfortunatamente, per ora, non sappiamo la data precisa, ma sembra che sarà diffusa entro poche settimane.

Nel frattempo, ricordiamo che Candyman è prodotto da Jordan Peele sotto la sua etichetta Monkeypaw. Inoltre,  Nia DaCosta, probabilmente sarà la regista di Captain Marvel 2, sequel del film diretto da Anna Boden e Ryan Fleck nel 2019.

La storia di Candyman segue il personaggio di Yahya Abdul-Mateen II (Aquaman, Watchmen), ovvero un’artista che vive nello stesso quartiere dove si sono svolti gli eventi del film originale, ora diventata una zona residenziale.

candyman

La stessa DaCosta ha affermato di ricordare di esser stata in quinta o addirittura in quarta elementare quando ha iniziato a sentir parlare di Candyman. Infatti, la regista ha dichiarato che proprio per via della leggenda, lei ed i suoi coetanei non avevano il coraggio di pronunciare quel nome allo specchio. Inoltre ha aggiunto che per lei, in quel periodo, Candyman era un personaggio reale che poteva addirittura mostrarsi dentro la sua abitazione.

La stessa cosa vale per l’attore protagonista! Abdul-Mateen ha affermato che è cresciuto con l’idea che Candyman non fosse una figura tratta dai film o dalla televisione, bensì una vera e propria minaccia.

Adesso, dopo aver rivissuto la leggenda di Candyman attraverso il team dietro il film, non ci resta altro che attendere la nuova data di arrivo nelle sale!

Fonte: Gamesradar

Sarcastica, ironica e cinica, nasce nel 1995. Non essendo mai stata brava a parlare di sé, preferisce che siano i fatti a farlo. In tenera età viene catapultata nel mondo dei videogames e da allora non ne è più uscita. Ha una piccola (si fa per dire) passione per la programmazione, la fotografia e la musica rock. Il suo punto debole sono i bulldog ed i paesi nordici.