DC Comics: cancellate le serie a fumetti Young Justice, Teen Titans e Hawkman

È ancora fresca la notizia della chiusura della serie regolare dedicata ad Aquaman, scritta da Kelly Sue DeConnick. L’autrice, tramite dei post sui canali social, ha ringraziato tutto il team editoriale dietro la serie ed ha affermato di lasciare Arthur e la sua famiglia soltanto un paio di numeri prima di quanto programmato. A quanto pare, questa non è l’unica brutta notizia per tutti i lettori: DC Comics ha cancellato ulteriori testate altrettanto importanti.

Tramite gli annunci previsti per novembre 2020, la casa editrice ha annunciato che i rispettivi albi di Hawkman, Young Justice e Teen Titans saranno dunque i numeri conclusivi.  Young Justice fa parte della nuova linea Wonder Comics, a cura di Brian Michael Bendis. La serie, con lo stesso Bendis affiancato da David F. Walker ai testi e Scott Godlewski ai disegni, si concluderà con il ventesimo numero, in pubblicazione il 3 novembre.

dc

Young Justice #20
Brian Michael Bendis, David F. Walker (Testi);
Scott Godlewski (Disegni);
John Timms (Cover);
Derrick  Chew (Card Stock Variant).

Sfortunatamente, salutiamo anche Damian Wayne ed i suoi nuovi Teen Titans con il numero 47. La run, con la sceneggiatura di Robbie Thompson ed i disegni  di Javier Fernandez si concluderà il 17 novembre.

dc

Teen Titans #47
Robbie Thompson (Testi);
Javier Fernandez (Disegni);
Bernard Chang (Cover).

Infine Hawkman, serie nata dalle pagine dell’evento Dark Nights: Metal,  è stata cancellata con il ventinovesimo numero. Con Robert Venditti ai testi e Fernando Pasarin ai disegni, l’albo conclusivo sarà disponibile dal 10 novembre oltreoceano.

dc

Hawkman #29
Robert Venditti (Testi);
Fernando Pasarin (Disegni);
Mikel Janìn (Cover).

Per ulteriori informazioni e delucidazioni, speriamo che il DC Fandome, speriamo che l’evento DC in cui saranno presenti panel dedicati a videogiochi, cinema, fumetti e molto altro, possa finalmente darci delle buone notizie.

Fonte: CBR

Sarcastica, ironica e cinica, nasce nel 1995. Non essendo mai stata brava a parlare di sé, preferisce che siano i fatti a farlo. In tenera età viene catapultata nel mondo dei videogames e da allora non ne è più uscita. Ha una piccola (si fa per dire) passione per la programmazione, la fotografia e la musica rock. Il suo punto debole sono i bulldog ed i paesi nordici.