In questi ultimi mesi, molti degli articoli che vi abbiamo proposto si aprivano con la frase “a causa dell’emergenza sanitaria”, e spianavano il campo a rinvii, posticipazioni o, nei casi peggiori, notizie relative a quanto il settore fumettistico, e più in generale quello editoriale, siano stati stati messi col culo per terra.
Più di prima, si intende.

Ma, forse, è proprio in momenti come questo che ci serve una dose di speranza o, più semplicemente, di buon umore. L’umorismo contro le paure e il dolore ha sempre funzionato, stemperando una negatività che, come in quest’ultimo periodo, si è accumulata nelle case di tutti.

E quindi, reduci dal lockdown, siamo qua a consigliarvi un fumetto che siamo certi vi farà ridere di cuore e scordare, almeno durante la lettura, all’isolamento, la quarantena, i blocchi agli spostamenti e i bollettini di guerra giornalieri.

P.S.
Grazie, Protezione Civile.

Marco Tonus, fumettista satirico, ha messo su un team di autori umoristici, per scherzare proprio sul Coronavirus, le nuove abitudini e le nuove paure che ha portato con sé. Pangolino, questo il nome dell’albo, è un’autoproduzione che già dal titolo, dal font e dalla composizione interna prende in giro il più celebre dei fumetti, ossia Topolino. Ma l’intento principale, in realtà, non è già quello di fare il verso al Topo, quanto di “utilizzarne”, se così si può dire, la grammatica interna per divertire il lettore in un continuo gioco di rimandi e frecciatine.

E per riuscire in ciò Stefano Antonucci, Maurizio Boscarol, Alessio Spataro, Gianluca Maconi, Luca Salvagno, Paolo Francescutto, Bruno Olivieri, Fabrizio Pluc di Nicola, Walter Leoni, Filippo Peppo Paparelli, Alessio Rizzo, Elisa Upata Turrin, Davide Siddi e Lino Giustazzi hanno unito le proprie peculiarità espressive nella creazione di un prodotto unico, ed estremamente calato nel momento in cui viviamo.

I personaggi che ritroviamo nelle mini storie ricalcano i celebri personaggi di casa Disney, come Pangolino/Topolino, Calippo/Pippo, il commissario Pizzettoni/Basettoni e i tre ladri Qi/Qui,Qo/Quo e Qa/Qua. Non mancano, giustamente, sferzate caustiche anche alla classe politica, all’INPS, alla Chiesa, al Mes e a tutti gli argomenti che sono saliti alla ribalta negli ultimi mesi. Un lavoro attento e mai banale, che ha rimasticato il momento storico che abbiamo vissuto, riproponendolo in veste comica. Per ordinare la vostra copia di Pangolino, potete richiedere maggiori informazioni all’indirizzo pangolinomagazine@gmail.com.

In chiusura, è da segnalare un punto d’apprezzamento particolarmente rilevante. Pangonlino, pur essendo un’autoproduzione, non è un qualcosa di “fatto tanto per fare” o “alla buona”. Ci si ritrova tra le mani un prodotto curato in ogni minimo dettaglio, dal colophon sino alla cura del lettering, che non sfigura di certo se posto accanto a fumetti pubblicati da alcune case editrici.

Ovviamente, mentre leggete il volume, rispettate le distanze di sicurezza e igienizzatevi spesso!