The Green Hornet (in italiano noto anche come Il Calabrone Verde) è stato molte cose, dalla nascita come serial radiofonico dal 1936 in avanti, fino alla serie cinematografica degli anni ’40 e agli show televisivi. E da lì fino all’omonimo film (di scarso successo, in realtà) del 2011; ma è stato anche una longeva serie a fumetti, portato avanti a più riprese dal 1938 fino ad anni più recenti. Ora la Universal Pictures, finalmente rientrata in possesso dei diritti di sfruttamento del personaggio e del franchise, sta pensando a un reboot cinematografico della saga.

La trama è quella di un uomo dalla doppia identità: di giorno è Britt Reid, uomo ricco e di successo, mentre di notte si nasconde dietro una maschera per combattere il crimine. Ad accompagnarlo c’è il fidato Kato, autista e spalla dell’eroe. In tutte le sue trasposizioni, anche recenti, si è tentato di mantenere l’atmosfera retro tipica delle prime produzioni. Il presidente di Universal Pictures Peter Cramer ha parlato del progetto in occasione dell’annuncio ufficiale.

Green Hornet è uno dei più iconici e amati supereroi mai creati, e le sue storie sono state amate da generazioni di fan, attraverso molte forme narrative. Siamo elettrizzati all’idea di collaborare con Michael Helfant, Bradley Gallo e il resto del team di Amasia Entertainment per creare insieme un nuovo universo cinematografico per Britt Reid, Kato e la Black Beauty [l’auto blindata e ricca di gadget usata dai due eroi, c.d.r.], e non vediamo l’ora di mostrarlo al pubblico di tutto il mondo.

Green Hornet

Il riferimento del presidente di Universal Pictures è ad Amasia Entertainment (Them That Follow), compagnia produttrice che collaborerà con Universal alla produzione di The Green Hornet. Il Michael Helfant di cui parla Peter Cramer è noto per essere stato direttore operativo in forza ai Marvel Studios, e anche lui ha avuto modo di parlare di questo prossimo progetto supereroistico.

Quand’ero un ragazzo, The Green Hornet era una delle mie serie televisive preferite. Amavo qualunque cosa della serie, Green Hornet, Kato e ovviamente la Black Beauty. Erano i migliori!
[…] Siamo dei grandi fan qui all’Amasia e siamo felicissimi all’idea di creare qualcosa di nuovo e che renda onore alla sua eredità. Un nuovo mondo che sia attuale e impressionante, nel rispetto della visione originale del creatore [di Green Hornet] George W. Trendle.

Michael Helfant ha anche raccontato delle peripezie dei diritti di sfruttamento del personaggio: prima in mano alla Dimension Films, c’è stato anche un momento in cui lui stesso ha provato a farli acquisire (senza successo) dai Marvel Studios, prima che poi finissero in mano a Sony e approdare poi alla Paramount nel 2017.
Sul reboot ha detto la sua anche Linda Trendle Hartle, presidente di Green Hornet Inc., compagnia che si occupa di controllare che l’omonima proprietà intellettuale venga sfruttata in maniera consona rispetto al materiale originale. Linda Trendle Hartle ha parlato a nome dell’intera società, dicendosi entusiasta di questa nuova collaborazione e contente finalmente all’idea che il Calabrone Verde possa tornare al cinema.

FONTE: Newsarama