Disney e Marvel Studios: le nuove date di tutti i film

Per l’ennesima volta, dobbiamo parlarvi di come l’emergenza del coronavirus stia influenzando la programmazione cinematografica mondiale, e stavolta torniamo sull’argomento Disney e su quali provvedimenti ha deciso di prendere la Casa di Topolino, anche per quel che riguarda tutte le pellicole supereroistiche dei Marvel Studios. Ovviamente, le nuove date fanno riferimento all’uscita negli Stati Uniti, dunque dovremo poi capire in quale modo si adeguerà il mercato italiano.

Marvel Studios

Partiamo dalle pellicole originali o comunque non legate ai supereroi della Casa delle Idee. A differenza del rumor (per quanto non troppo consistente) delle settimane scorse, che vedeva il remake in live action di Mulan pronto ad approdare sulla piattaforma Disney+, la pellicola sull’eroina cinese arriverà regolarmente al cinema, ma lo farà durante l’estate, il 24 luglio 2020 (l’uscita originaria era fissata per queste settimane di marzo).
The French Dispatch di Wes Anderson (Grand Budapest Hotel) e con Timothée Chalamet (Chiamami col tuo nome) slitta da luglio al 16 ottobre. Allo stesso modo, il film comico a tema videoludico Free Guy con Ryan Reynolds (Deadpool) passa anche questo dal prossimo luglio al 3 dicembre 2020.
Jungle Cruise, pellicola ispirata a una nota attrazione di Disneyland e con protagonista Dwayne “The Rock” Johnson (Hobbs & Shaw), uscirà ora il 30 luglio 2021, con un ritardo di ben un anno. Alla lista non manca anche il nuovo capitolo della saga dell’archeologo Indiana Jones: infatti anche Indiana Jones 5 è stato rimandato di un anno, passando dal luglio 2021 al 29 luglio 2022.

E passiamo ora alle attesissime pellicole del Marvel Cinematic Universe. La prima che ci viene in mente, essendo stata sulla bocca di molti in queste settimane, è il film prequel Black Widow, incentrato sull’omonima supereroina: doveva uscire questo maggio (a fine aprile in Italia), e invece uscirà il 6 novembre 2020.
Ciò significa che tutti gli altri film Marvel slitteranno uno dietro l’altro. Infatti Black Widow va di fatto a occupare lo slot in sala che in origine era del mastodontico e fantascientifico The Eternals. La pellicola con Salma Hayek (Dal Tramonto all’Alba) scivola perciò fino al 12 febbraio 2021; a ruota, Shang-Chi and the Legend of the Ten Rings (incentrato sul classico eroe asiatico esperto d’arti marziali) passa dal prossimo febbraio al 7 maggio 2021.
Ennesima pellicola Marvel Studios a slittare è anche il secondo capitolo della saga dello Stregone Supremo: Doctor Strange in the Multiverse of Madness uscirà al cinema il 5 novembre 2021. Ultima pellicola a essere rimandata è il quarto capitolo della saga di Thor, Thor: Love and Thunder di Taika Waititi (Jojo Rabbit), per la quale dovremo aspettare fino al 28 febbraio 2022.
Restano invariate, o quasi, le date del resto della produzione dei Marvel Studios. Black Panther 2, al momento, è ancora programmato per il 2 maggio 2022; l’8 luglio 2022 invece potremo finalmente vedere Captain Marvel 2. Resta da capire come questo nuovo calendario potrebbe influire sulla regolare uscita delle prossime serie Marvel, pronte a sbarcare su Disney+: verranno rimandate, oppure potranno e riusciranno a uscire regolarmente sulla piattaforma di streaming? Siamo sicuri che lo scopriremo nelle prossime settimane.

Per ciò che riguarda altre pellicole in live action e d’animazione Disney, ecco cosa non cambia o quasi. West Side Story di Steve Spielberg (Jurassic Park) uscirà regolarmente (al momento in cui scriviamo) il 18 dicembre 2020; la stessa cosa vale per il film storico The Last Duel di Ridley Scott (Alien). Anche il prossimo film Pixar, Soul, arriverà al cinema nella data prestabilita, il prossimo 19 giugno.
A rimanere a bocca asciutta, senza una data alternativa ancora selezionata, troviamo comunque vari film: l’ultimo film del franchise degli X-Men della Fox (ora proprietà di Disney), New Mutants, ancora non ha una data di uscita, dopo fra l’altro uno sviluppo più che travagliato. Nell’elenco troviamo poi La Donna alla Finestra, l’horror Antlers e The Personal History of David Copperfield.

FONTE: TheHollywoodReporter

Classe 1989, Simone ha sempre cercato il mezzo d'espressione perfetto: forse il fumetto (come quell'"House of M" targato Marvel), o magari il cinema (con "Jurassic Park" come primo film di cui ha memoria), oppure il videogioco (la prima epica sessione, 5 ore davanti alla PlayStation)? Quando non pensa a questa insensata gara, si diverte a scrivere racconti e poesie. E i suoi studi umanistici riflettono un po' il suo animo, fra una tesi sul rapporto fra storia degli Stati Uniti e fumetti di supereroi, e un glossario della lingua videoludica (che è riuscito anche a pubblicare).