Mentre il mondo si sta lentamente preparando ad andare a rotoli, le istituzioni stanno prendendo misure sempre più “estreme” e sempre più audaci per contenere quella che, di fatto, è già diventata una pandemia: il Coronavirus, dopo aver messo in ginocchio l’Asia, ha mosso i primi, devastanti passi anche qui in occidente, paralizzando l’Italia e terrorizzando Europa ed America. Ed è proprio a questo stato di ansia generale che è dovuta la notizia che ha scosso il mondo del gaming: l’E3 2020, inizialmente previsto per il 9 giugno a Los Angeles come di consueto, è stato cancellato a causa del virus. Una decisione piuttosto drastica da parte dell’ESA (l’ente che organizzatore), ma anche piuttosto sensata: in un periodo in cui sarebbe meglio evitare grandi accorpamenti di persone, è giusto evitare eventi dalla portata mastodontica come l’E3.

E3 2020

Mentre la notizia ha cominciato a fare il giro della rete, i grandi partecipanti della fiera (vedi: Sony, Microsoft e compagnia bella) hanno cominciato a cercare freneticamente un’alternativa per sopperire a questa grande mancanza. L’ipotesi più quotata è quella di una massiccia dose di eventi in streaming che andranno idealmente a sostituire le presentazioni della fiera, almeno in parte. Insomma, un anno strano che continua nella sua folle cavalcata. In attesa di cieli più limpidi, resteremo con le orecchie aperte per scoprire quando e come i publisher decideranno di presentare gli annunci inizialmente riservati per l’E3 2020.

A presto con tutte le news!

Fonte: Multiplayer.it