Oscar

Oscar 2020: ecco tutti i vincitori

Questa notte si è tenuta a Los Angeles la serata più importante del cinema mondiale, quella degli Oscar 2020.
I film più accreditati sono stati, senza dubbio, Joker, di Todd Philips, 1917, diretto da Sam Mendes, C’era una volta ad Hollywood, di Quentin Tarantino, JoJo Rabbit di Taika Waititi e Parasite, di Bong Joon-ho. Le sorprese non sono di certo mancate e, per la prima volta nella storia, proprio Parasite, film coreano, vince come Miglior Film. Alla pellicola è andato anche il premio come il Miglior Film Straniero e la Miglior Sceneggiatura. Le statuette per i Migliori Attori Protagonisti sono state assegnate a Joaquin Phoenix e Reneé Zellweger, mentre Brad Pitt e Laura Dern sono stati premiati come M
igliori Attori Non Protagonisti.
Ecco di seguito la lista completa di tutti i vincitori:

Miglior film

Parasite, di Bong Joon-ho

Miglior attore protagonista

Joaquin Phoenix, Joker

Miglior attrice protagonista

Renée Zellweger, Judy

Miglior attore non protagonista

Brad Pitt, C’era una volta ad Hollywood

Miglior attrice non protagonista

Laura Dern, Storia di un matrimonio

Miglior regia

Bong Joon-ho, Parasite

Miglior fotografia

Roger Deakins, 1917

Miglior montaggio

Le Mans ’66 – La grande sfida, di James Mangold

Miglior film straniero

Parasite, di Bong Joon-ho

Miglior film d’animazione

Toy Story 4, di Josh Cooley

Miglior sceneggiatura originale

Han Jin-won e Bong Joon-ho, Parasite

Miglior sceneggiatura non originale

Taka Waititi, Jojo Rabbit

Miglior corto d’animazione

Hair love, di Matthew A. Cherry e Karen Toliver

Miglior colonna sonora

Hildur Guonadottir, Joker

Miglior canzone originale

(I’m Gonna) Love Me Again – Rocketman

Miglior sonoro

1917, di Sam Mendes

Miglior montaggio sonoro

Le Mans ’66 – La grande sfida, di James Mangold

Miglior cortometraggio

The Neighbor’s Window, di Marshall Curry

Miglior scenografia

C’era una volta ad Hollywood, di Quentin Tarantino

Fonte: Oscar

Nasce in quel di Cagliari il 23 luglio 1992. Legge fumetti da quando ha memoria e frequenta per due anni, 2014 e 2015, il Corso di Fumetto tenuto dal Centro Internazionale del Fumetto di Cagliari. Nel 2015 partecipa al contest tenuto dal sito Verticalismi, Pilot, con le prime tavole della sua personalissima storia, The Badness, che lo vede come sceneggiatore e ideatore. Dal 2016 entra a far parte dell'Associazione Culturale Chine Vaganti e nel 2018 è scelto tra i 10 vincitori del concorso A caccia di storie indetto da Lucca Crea, Book on a Tree e la Fondazione Nazionale Carlo Collodi. Sempre nello stesso anno, esce il suo fumetto autoprodotto Acluofobia - Nel Buio, in veste di sceneggiatore. In tutto questo popò di tempo, comunque, continua a trovare il tempo per leggere, nonostante si voglia così male da laurearsi in Giurisprudenza.