Mulan: i nuovi poster dedicati ai personaggi

Manca sempre meno all’uscita di Mulan, nuovo live action Disney basato sull’omonimo film d’animazione, e adesso sono stato diffusi online i character poster dei personaggi che vedremo all’interno del film.

Mulan

La trama segue le avventure della giovane e coraggiosa Mulan, figlia di un eroe dell’esercito imperiale cinese. Quando l’Imperatore dà l’avvio a un arruolamento forzato di tutti gli uomini per preparare le difese contro gli invasori in arrivo dal Nord, Mulan ha l’idea folle che è il motore della pellicola: per evitare al padre, ormai anziano, di dover nuovamente servire il proprio paese, la ragazza si traveste da uomo e si nasconde fra le fila dell’esercito. Sicuramente ci saranno delle differenze fra questo e l’originale cartone animato degli anni ’90, ma ci mancano solo poche settimane per scoprire quanto i due film saranno differenti e quanto sarà riuscita questa operazione.
La sceneggiatura è stata affidata alla coppia formata da Amanda Silver e Rick Jaffa (L’Alba del Pianeta delle Scimmie, Jurassic World), assieme a Lauren Hynek e Elizabeth Martin (al lavoro entrambe su Grace Hopper). Della regia si è invece occupata Niki Caro (La Signora dello Zoo di Varsavia).

La protagonista ha il volto di Liu Yifei (A Chinese Ghost Story, Outcast – L’Ultimo Templare), e anche il resto del cast è impreziosito da attori di primo piano: Donnie Yen (Ip Man, Rogue One: A Star Wars Story) è il Comandante Tung, Jet Li (Hero, La Mummia – La Tomba dell’Imperatore Dragone) interpreta l’Imperatore, Jason Scott Lee (Dragon – La Storia di Bruce Lee, Lilo & Stitch) ha la parte del cattivo Bori Khan. Completano il cast principale Yoson An (Macchine Mortali) come Chen Honghui e Gong Li (Memorie di una Geisha) per il ruolo di Xian Lang.
Di seguito trovate tutti i character poster (quello di Mulan è in apertura dell’articolo). Il film arriverà nelle nostre sale il 26 marzo 2020.

Mulan

Mulan

Fonte: Collider

Classe 1989, Simone ha sempre cercato il mezzo d'espressione perfetto: forse il fumetto (come quell'"House of M" targato Marvel), o magari il cinema (con "Jurassic Park" come primo film di cui ha memoria), oppure il videogioco (la prima epica sessione, 5 ore davanti alla PlayStation)? Quando non pensa a questa insensata gara, si diverte a scrivere racconti e poesie. E i suoi studi umanistici riflettono un po' il suo animo, fra una tesi sul rapporto fra storia degli Stati Uniti e fumetti di supereroi, e un glossario della lingua videoludica (che è riuscito anche a pubblicare).