Netflix: Bonding rinnovata per la seconda stagione

Netflix ha rinnovato Bonding, serie tv che tornerà nel 2020 per una seconda stagione. Di seguito il video annuncio. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

ICYMI ☝️

Un post condiviso da BONDiNG (@bondingnetflix) in data:

Questo quello che pensiamo della prima stagione

Una serie che onestamente non si è capita più di tanto. Con soli 7 episodi da 15 minuti l’uno è un prodotto che, almeno per quanto mi riguarda, non riesce a trovare una sua identità e vaga nel limbo di un catalogo un po’ troppo accomodante. 

Tiff (Zoe Levin) è una studentessa che, per pagarsi gli studi, sceglie una carriera da mistress, una dominatrice sessuale. Decide di farsi aiutare dal suo vecchio amico Pete (Brendan Scannell), che fungerà da suo assistente. In realtà non c’è molto altro da raccontare dato che la serie non aggiunge ulteriori elementi a questa rapida sinossi. Si intravede un passato oscuro della protagonista ma si esaurisce immediatamente con lo humour che incalza le puntate, forse troppo brevi per riuscire infine ad incuriosire lo spettatore. 

Non mi sento di consigliarla, piuttosto rimanderei a dopo la visione di una seconda stagione (sempre che venga rinnovata), anche se attualmente non riscontro validi motivi per scommetterci ulteriormente. 

I siparietti comici tra i due protagonisti possono strappare qualche risata ma ci lasciano a fine stagione con la sensazione di non aver avuto un vero e proprio excursus dei personaggi che, improvvisamente nelle ultime due puntate, subiscono un mutamento troppo rapido tanto da farlo sembrare un contentino. 

Classe'93, romano. Fondatore e redattore di Fr4med, a causa di un'amicizia sbagliata si mette nei guai intorno ai 10 anni. Tra un disturbo di personalità e manie ossessivo-compulsive, si laurea in Psicologia confermando perfettamente gli stereotipi di facoltà. Ha scritto per le redazioni di Geek Area e NerdM0vie Productions. Ha un debole per l'Africa.