Cena con Delitto – Knives Out: in arrivo il sequel

Cena con Delitto – Knives Out è stata una delle sorprese cinematografiche del dicembre appena passato, sia per il riscontro di critica e pubblico, sia per gli incassi del box office (la pellicola ha incassato 250 milioni di dollari a fronte di un investimento di 40 milioni). È dunque anche grazie a questo successo, che le voci di un possibile seguito dell’avventura investigativa del primo capitolo non hanno tardato ad arrivare. Adesso, la conferma arriva dal regista stesso.

Rian Johnson (Star Wars: Gli Ultimi Jedi) ha infatti parlato della pellicola in occasione della festa della Lionsgate (casa distributrice del film) tenutasi prima della cerimonia dei Golden Blobes, per i quali Cena con Delitto – Knives Out ha concorso, ma senza portare a casa alcun premio. Durante il suo intervento, Johnson ha affermato di essere al lavoro sul sequel, e che si sta già occupando della scrittura della pellicola, che vedrà il ritorno del protagonista del primo film, l’investigatore Benoit Blanc interpretato da Daniel Craig (Millennium – Uomini che Odiano le Donne, Skyfall).

Proprio riguardo Craig, Rian Johnson ha dichiarato che l’attore non vede l’ora di tornare nel ruolo del detective.
L’intenzione di Johnson è quella di far arrivare al cinema il sequel il prima possibile. Adesso non resta che capire come questa volontà s’incastrerà con gli altri impegni del regista: quest’ultimo dovrebbe infatti sarà impegnato, nei prossimi anni, a lavorare sulla nuova trilogia di Star Wars, il cui prossimo capitolo dovrebbe arrivare nel 2022.

Cena con Delitto
La locandina del primo capitolo.

Cena con Delitto – Knives Out è ancora disponibile al cinema, e oltre all’atmosfera da giallo classico con punte d’ironia, si caratterizza per un vasto cast corale e di grande spessore. Oltre a Daniel Craig, infatti, nel film troviamo Chris Evans (il Captain America del Marvel Cinematic Universe), Ana de Armas (Blade Runner 2049), Jamie Lee Curtis (Una Poltrona per Due), Michael Shannon (La Forma dell’Acqua), Katherine Langford (Tredici) e Frank Oz (doppiatore di Yoda nella saga di Star Wars).

Fonte: The Hollywood Reporter

Classe 1989, Simone ha sempre cercato il mezzo d'espressione perfetto: forse il fumetto (come quell'"House of M" targato Marvel), o magari il cinema (con "Jurassic Park" come primo film di cui ha memoria), oppure il videogioco (la prima epica sessione, 5 ore davanti alla PlayStation)? Quando non pensa a questa insensata gara, si diverte a scrivere racconti e poesie. E i suoi studi umanistici riflettono un po' il suo animo, fra una tesi sul rapporto fra storia degli Stati Uniti e fumetti di supereroi, e un glossario della lingua videoludica (che è riuscito anche a pubblicare).