Weathering With You

Weathering With You: Una bella gita sotto la pioggia di Tokyo | Recensione

Ho conosciuto per la prima volta il nome di Makoto Shinkai alcuni mesi fa, mentre spulciavo il catalogo di Netflix alla ricerca di un film per la serata. L’attenzione si fermò su Your Name., anime del quale avevo sentito parlare più e più volte, e sempre in maniera eccezionalmente positiva. Non sono mai stato amante degli anime (non per aperta ostilità, ma il più delle volte per semplice indifferenza), ma quella sera mi ritrovai a dover premere play. Passate due ore, ero quasi incredulo: quel film mi aveva totalmente conquistato, scalando in maniera improvvisa e netta i ranghi della mia classifica di film d’animazione preferiti, andandosi a sedere comodamente tra le posizioni più alte. E’ per questo che sapevo che mi sarei ritrovato seduto in sala quando Weathering With You, opera successiva di Shinkai, sarebbe arrivata (seppur per poco) sul grande schermo. Il film ha saputo confermare la mia opinione del regista?

Weathering With You

In una Tokyo in cui la pioggia sembra perenne, un giovane fuggito di casa ed appena arrivato in città incontra una giovane che sembra in grado di manipolare il meteo, facendo spuntare il sereno grazie ai suoi poteri. Mentre i due si avvicinano, appare sempre più chiaro che i poteri della ragazza avranno un costo molto alto, prima o poi. Weathering With You presenta molti, ma davvero molti, tratti che lo avvicinano a Your Name., rendendo le due opere quasi sorelle: abbiamo una coppia di protagonisti che si ritrovano ad avere a che fare con un evento soprannaturale, un cast di personaggi secondari al quale è impossibile non affezionarsi, catastrofi su larga scala e la voglia di regalare un finale intenso ed ambiguo, che segua lo spettatore fuori dalla sala e lo costringa a rimuginare su quanto appena visto. La trama, stavolta, sceglie un approccio più diretto e semplice, senza introdurre una mitologia complessa come quella di Your Name. e raccontando una storia che procede senza troppi colpi di scena. Da un lato, è una pellicola che richiede molto meno sforzo per essere capita, ma dall’altro si sente (solo in parte) la mancanza di ciò che, almeno per me, ha reso grande il precedente film di Shinkai: la sorpresa. Your Name. inizia in maniera piuttosto innocente, lasciando allo spettatore la libertà di immaginare un certo tipo di conclusione per il film, prima di sferrargli un calcio sullo sterno con un colpo di scena che arriva a metà film e cambia radicalmente la trama, sia in fatto di ritmo che di tono. Non che sia un problema atroce, in quanto Weathering With You procede gradevole per tutta la sua durata, senza il rischio che il sentore di “già visto” si faccia strada tra i sediletti della sala (cosa che sarebbe probabilmente accaduta seguendo alla lettera la formula già sperimentata in Your Name.).

Ciò che torna sostanzialmente invariato è lo stile con cui Shinkai ci presenta il suo mondo. E, lasciatemelo dire, fortuna non sia cambiato. La Tokyo presente nel film ricopre un ruolo primario tanto quanto i protagonisti che la esplorano, apparendo come una giungla di ferro e cemento che, seppur costantemente battuta dalla pioggia, non risulta mai opprimente né soffocante. In ogni inquadratura, appare chiaro l’immenso amore che Shinkai prova per questa città. Il mix tra iper-realismo degli ambienti ed i personaggi più tipicamente anime torna a funzionare alla grande, consacrando definitivamente la cifra stilistica del regista. Per strizzare l’occhio ai fan più attenti, il film è pieno di inquadrature iper-dettagliate in cui potrete riconoscere varie citazioni: da marche di compagnie realmente esistenti ad altri capolavori anime come Akira, fino alle precedenti opere di Shinkai stesso (tra cui i cameo di entrambi i protagonisti di Your Name.). Un film per i fan quindi, ma anche un ottimo punto d’accesso per i nuovi spettatori.

La capacità dei film di Shinkai è quella di saper parlare a chi, come me, di anime ne sa davvero tanto poco: con ogni probabilità, anche voi rimarrete entusiasti dello stile di Shinkai e dalle belle storie che ama raccontare. Weathering With You, così come le opere che lo hanno preceduto, non ha proprio nulla da invidiare all’animazione a cui siamo abituati da queste parti, potendo anzi dispensare ben più di una lezione. Nonostante la release limitata sia già volta al termine, vi esorto caldamente a dare una chance al film quando arriverà nelle vostre case, così come a tutte le altre opere del regista già disponibili sulle varie piattaforme.

Mite ragazzo di classe ‘96, appassionato di lunga data di gaming, si dimostra un precursore quando, nel lontano 2000, viene trovato a strisciare le carte di credito dei genitori sulla PsOne per comprare un migliaio di gemme su Spyro 2. A questo incontrastato e patologico amore per le microtransazioni, si affianca l’amore per il cinema d’autore. In nome di questa passione, si imbarca in un viaggio mistico fra India, Nilo e Miami alla ricerca della vera essenza dei Cinepanettoni: è qui che, ispirato dalle note di Scatman, decide che la missione della sua vita sarà quella di scrivere il film che riunirà Boldi e De Sica. Fino ad allora, l’entusiasmo del lavoro in Fr4med sarà solo la maschera che nasconde il profondo trauma per questa atroce separazione. AGGIORNAMENTO: Dopo la spontanea riappacificazione di Boldi e De Sica, vive una profonda crisi mistico-spirituale. Arriva quindi a definirsi “profeta”, abbracciando lo stile di vita da eremita. Se lo cercate, lo troverete in una remota grotta, mentre si nutre solo di muschio e condensa ed estorcendo la modica cifra di 500€ ad ogni visitatore per delle infondate e truffaldine previsioni del Superenalotto.