Disney+: Hawkeye sarebbe dovuto essere un film

Hawkeye è la serie televisiva completamente dedicata ad Occhio di Falco che arriverà su Disney+ a partire dal 2021. Oltre al personaggio di Clint Burton, però sarà presente anche quello di Kate Bishop. Infatti, recentemente  è giunta la notizia che l’attrice Hailee Steinfeld si trova in trattativa per il ruolo. Nonostante tutto, non ci siano ulteriori novità sullo sviluppo della serie, sopratutto dopo le pesanti accuse di violenza domestica nei confronti di Jeremy Renner.  L’attore è stato dunque accusato di tentato omicidio dalla sua ex moglie, Sonni Pacheco e l’udienza si è tenuta proprio questo 7 novembre. Attualmente, diversi fan stanno chiedendo il licenziamento di Renner, ma fin’ora non ci sono commenti ufficiali. 

Adesso, Kevin Feige ha affermato che, inizialmente, era stato pensato un film dedicato ad Occhio Di Falco, non una serie televisiva. Secondo quanto riportato, Feige aveva esposto  le sue idee per Loki e WandaVision e queste sono state accolte particolarmente bene. Nonostante tutto, il direttore creativo della Marvel, era nervoso di esporre il suo progetto per Hawkeye: Jeremy Renner e gli Studios hanno originariamente stipulato un accordo per la realizzazione di un film. Feige, però, ha preferito trasformarlo in una serie televisiva.

hawkeye

Oltre ai progetti già citati, quali Hawkeye, WandaVision e Loki, ci sono ulteriori serie televisive in sviluppo, ovvero The Falcon And The Winter Soldier e What If…?, quest’ultima, sarà un lavoro animato che riprenderà il filone degli universi alternativi.

Hawkeye seguirà Clint Barton mentre addestra Kate Bishop a diventare una supereroina senza superpoteri. La serie però non si limita soltanto a questo, infatti sarà inserita anche la backstory di Ronin, ovvero l’identità assunta da Barton durare Avengers: Endgame. Il personaggio di Kate debutta soltanto nel 2005 in Young Avengers #1. Creata da Allan Heinberg Jim Cheung, oltre a far parte dei Young Avengers è membro dei Vendicatori della Costa Ovest.

Fonte: Bloomberg

Sarcastica, ironica e cinica, nasce nel 1995. Non essendo mai stata brava a parlare di sé, preferisce che siano i fatti a farlo. In tenera età viene catapultata nel mondo dei videogames e da allora non ne è più uscita. Ha una piccola (si fa per dire) passione per la programmazione, la fotografia e la musica rock. Il suo punto debole sono i bulldog ed i paesi nordici.