Lucca Comics & Games 2019: Alex Alice è L’Angoulême Guest of Honour

Lucca Comics & Games incontra il Festival international de la bande dessinée d’Angoulême e insieme sono felici di annunciare il loro gemellaggio, con l’obiettivo di valorizzare il Fumetto Italiano in Francia e la Bande Dessinée in Italia. La partnership si concretizzerà ogni anno con la presenza a Lucca Comics & Games di un Angoulême Guest of Honour e al Festival d’Angoulême di un Lucca Guest of Honour, per celebrare la tradizione e l’innovazione delle due scuole.

lucca comics


L’Angoulême Guest of Honour 2019 a Lucca Comics & Games è il grande Alex Alice. Poliedrico artista francese due volte vincitore del prestigioso Spectrum Award, è uno degli autori di fumetti più dotati della sua generazione. Il suo ambizioso progetto Siegfried, ispirato all’opera di Wagner, gli è valso lo Spectrum Gold Award, principale riconoscimento mondiale per l’illustrazione fantastica. Dopo aver venduto oltre un milione di libri, tradotti in una ventina di lingue, Alex Alice non ha esitato a rinnovare completamente il proprio stile con la sua nuova, fortunata serie Il castello delle stelle: interamente realizzate ad acquerello, le sue tavole rievocano le illustrazioni dei romanzi di Jules Verne così come i ricordi incantati di viaggi giovanili tra i castelli bavaresi. 

Alex Alice sarà coinvolto all’interno dello spettacolo di Voci Di Mezzo, e in panel e performance sulla sua carriera. 



UNO SGUARDO SULL’AUTORE – ALEX ALICE 

Alex Alice è un fumettista e artista francese, che lavora abitualmente in Francia e talvolta negli Stati Uniti. Nato nel 1974, è cresciuto nel sud della Francia e ha avuto la possibilità di viaggiare per l’Europa, dove ha sviluppato una passione per le rovine e i castelli che risalgono all’età medievale e romantica. Questo interesse ha ispirato la sua arte, dalla cupa ambientazione medievale del thriller esoterico “Terzo testamento” (Panini Comics, 1997-2003, scritto insieme a Xavier Dorison) al mondo primordiale e mitologico di “Siegfried” (Panini Comics, 2007-2011), una rivisitazione della saga nordica del grande assassino di draghi. Il suo interesse spazia dal cinema all’animazione, dalla pittura all’illustrazione (ha ricevuto 2 Spectrum Fantastic Art awards per le sue copertine), fino ad arrivare alle belle arti e alla scultura. Nel 2015 ha esposto alcune sculture legate a Siegfried insieme allo scultore francese Christophe Charbonnel. Il suo “Siegfried” è stato anche trasformato in una performance video con la musica di Wagner, per essere eseguita dalla Orchestre National de Lyon. La sua ultima serie è, a oggi, il suo lavoro più personale. Ne “Il castello delle stelle” (Mondadori), attinge a Jules Verne e al romanticismo del diciannovesimo secolo per creare un mondo acquatico di avventure e meraviglie, che ha incantato sia gli adulti che i giovani lettori. Una mostra speciale su questa serie è stata prodotta nel 2017 dal Festival Internazionale del Fumetto di Angoulême, che ha esposto 70 opere d’arte originali insieme a costumi, oggetti di scena e modelli. Le sue opere sono state tradotte in 19 lingue.

Classe'93, romano. Fondatore e redattore di Fr4med, a causa di un'amicizia sbagliata si mette nei guai intorno ai 10 anni. Tra un disturbo di personalità e manie ossessivo-compulsive, si laurea in Psicologia confermando perfettamente gli stereotipi di facoltà. Ha scritto per le redazioni di Geek Area e NerdM0vie Productions. Ha un debole per l'Africa.