Disney: in sviluppo un nuovo live-action dedicato all’Ispettore Gadget

Fra gli anni ’80 e ’90 divenne discretamente famoso un cartone animato, L’Ispettore Gadget (Inspector Gadget in originale) dedicato all’omonimo ispettore di polizia.
A quanto pare, Disney sta preparando tutto per un nuovo debutto cinematografico.

L’Ispettore Gadget narrava di un ispettore di polizia che, di fatto, era una specie di cyborg che, all’occorrenza, era in grado di utilizzare molteplici marchigegni, utensili, attrezzi e quant’altro, nascosti all’interno del suo corpo di metallo e plastica.
Suo acerrimo nemico era il Boss Artiglio (Dr. Claw in inglese), capo dell’organizzazione nota come M.A.D.
Ad aiutare Gadget nella sua lotta al crimine c’erano la sua nipotina Penny e il cane Bravo (in originale Brain), oltre al commissario Quimby.

Nel corso degli anni L’Ispettore Gadget ha goduto di nuove serie animate, oltre che di spin-off e trasposizioni videoludiche, ai quali si aggiungono un paio di pellicole in live-action, di cui ricordiamo soprattutto la prima (la seconda è uscita direttamente in home video) del 1999, alla quale presero parte Matthew Broderick (The Producers) per il ruolo del protagonista e Rupert Everett (L’Importanza di Chiamarsi Ernest) come Boss Artiglio.

Ispettore Gadget
Matthew Broderick come ispettore Gadget nel film del 1999.

Per questo reboot in live-action de L’Ispettore Gadget, Disney ha selezionato Mikey Day e Streeter Seidell per scriverne la sceneggiatura. I due sono famosi per essere scrittori per il Saturday Night Live, oltre che essere già impegnati allo sviluppo del reboot di Home Alone (Mamma, Ho Perso l’Aereo) per Disney+.
Come produttori del film, figurano Dan Lin e Jonathan Eirich, già produttori del recente remake in live-action di Aladdin.

FONTE: The Hollywood Reporter

Classe 1989, Simone ha sempre cercato il mezzo d'espressione perfetto: forse il fumetto (come quell'"House of M" targato Marvel), o magari il cinema (con "Jurassic Park" come primo film di cui ha memoria), oppure il videogioco (la prima epica sessione, 5 ore davanti alla PlayStation)? Quando non pensa a questa insensata gara, si diverte a scrivere racconti e poesie. E i suoi studi umanistici riflettono un po' il suo animo, fra una tesi sul rapporto fra storia degli Stati Uniti e fumetti di supereroi, e un glossario della lingua videoludica (che è riuscito anche a pubblicare).