Guillermo del Toro, il talentuoso regista che negli anni ci ha regalato perle cinematografiche quali Hellboy: The Golden Army, Il Labirinto del Fauno e La Forma dell’Acqua, sta allargando i suoi orizzonti, e ha avuto modo di accennare alla sua volontà di scrivere un libro.

Guillermo del Toro
Il poster di “Scary Stories to Tell in the Dark”, per cui Guillermo del Toro ha lavorato alla storia.

Del Toro ha sempre avuto un certo legame con la letteratura, e non parliamo soltanto delle sue pellicole nate come trasposizioni di romanzi o racconti, come la sua collaborazione alla storia del recente e inquietante Scary Stories to Tell in the Dark diretto da André Øvredal, o come la sua partecipazione in veste di regista all’adattamento di Pinocchio in stop-motion (ispirato alle illustrazioni Gris Grimsly e che sbarcherà su Netflix).
Infatti, oltre all’essere stato co-scrittore di una trilogia di romanzi, insieme a Chuck Hogan, iniziata con La Progenie – The Strain (del 2010), ha in cantiere una raccolta di storie brevi, delle quali ha detto quanto segue:

Nel corso degli anni, sono stato ispirato dal leggere racconti brevi, dalle storie di fantasmi alle fiabe. Ora ho il privilegio di creare e condividere le mie.

Questa raccolta di racconti non ha ancora un titolo ufficiale, ma sappiamo che vedrà la luce sotto l’etichetta Amazon Original Stories, parte di Amazon Publishing.
E proprio Amazon, nel descrivere il libro, ha parlato di “un mondo di strani avvenimenti, dalle tinte da horror ultraterreno e dark fantasy“.

Guillermo del Toro
Un’immagine del versatile Guillermo del Toro tratta da “Death Stranding”, l’oscuro videogame di Hideo Kojima al quale il regista a prestato le proprie fattezze.

Fonte: Entertainment Weekly