DC Comics: Bryan Hitch mostra la Batmobile disegnata per Batman’s Grave

Meno di un mese fa giungeva notizia che il team creativo dietro Authority avrebbe curato una nuova maxiserie per la DC Comics, dedicata a Batman. Bryan Hitch e Warren Ellis si riuniranno nuovamente per The Batman’s Grave, un lavoro di dodici numeri incentrato sul Cavaliere Oscuro. Adesso, lo stesso artista ha condiviso, tramite Twitter, un primo sguardo alla Batmobile che sarà presente nel nuovo lavoro.

Non ci facciamo scappare nulla,  perciò ecco qui uno sneak peak di una delle pagine che ho disegnato oggi.

Di seguito vi riportiamo la sinossi di The Batman’s Grave:

Il team creativo dietro Authority curerà una storia dedicata a Batman. Un caso porterà il detective ad immedesimarsi nei pensieri di una vittima di un omicidio con il volto mangiato a metà – il tutto senza riempire il posto vuoto lasciato affianco alla tomba dei suoi genitori…

Ma prima di questo, Ellis ed Hitch dovranno entrare nella testa del maggiordomo. Una volta a settimana, non importa se ci sia la pioggia o il sole, Alfred Pennyworth si reca al cimitero presso la tomba dei Wayne per tendersi difronte alle loro lapidi pulendole, togliendo le erbacce e lucidandole. Questo quanto prima dell’arrivo di una nuova tomba verso la quale tendersi?

All’interno di questo nuovo fumetto realizzato dal dinamico duo vive un Batman con un’identificazione quasi psicotica nei confronti delle vittime di omicidio. Si immerge nelle loro vite e finisce con l’essere ossessionato da ogni dettaglio della loro morte. Anche se da un lato Batman continua ad esaminare le prove e a cercare il colpevole, dall’altro vorrebbe vivere le vite delle vittime mentre si avvicinano alla loro morte.

Scritto da Warren Ellis ed illustrato da Bryan Hitch, The Batman’s Grave #1 arriverà nelle fumetterie statunitensi questo 6 ottobre. Inoltre sarà disponibile anche una variant cover realizzata da  JeeHyung Lee.

Sarcastica, ironica e cinica, nasce nel 1995. Non essendo mai stata brava a parlare di sé, preferisce che siano i fatti a farlo. In tenera età viene catapultata nel mondo dei videogames e da allora non ne è più uscita. Ha una piccola (si fa per dire) passione per la programmazione, la fotografia e la musica rock. Il suo punto debole sono i bulldog ed i paesi nordici.