Netflix: Gerard Way parla della controparte televisiva di Numero Uno in Umbrella Academy

Quando parliamo di Gerard Way non facciamo solo riferimento ad un musicista di talento, ma anche ad un ormai affermato abile scrittore di fumetti. Tramite il suo profilo Instagram, Way ha affermato di voler pubblicare una serie di post dove parlerà di ogni personaggio principale presente in Umbrella Academy, partendo in ordine cronologico da Numero Uno. Lo scrittore pubblica una foto tratta proprio dalla serie TV accompagnata da un lungo approfondimento sul personaggio di Luther Hargreeves ovvero Spaceboy, interpretato da Tom Hopper.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

I’d like to try and do series of posts where I discuss each of the main characters of The Umbrella Academy, since so many of you are watching it now. It seems fitting to go through them in numerical order so I’ll start with Number 1 AKA Luther Hargreeves AKA Spaceboy (these characters have so many names, and it’s great fun to try and watch everyone, including the press, keep them straight). I feel like there is a real sadness to Luther that the show captures wonderfully. To me he represents isolation and innocence. There are bits of other people and me in him, sometimes finding myself in a leadership role, sometimes unsuited for the role, and always making tough and sometimes unpopular decisions. Trying to do what’s best not for a single individual but for the whole. I failed at this many times, and it’s not an easy gig. One of the things the show tackled more than the comic was body horror, and I think they did a great job with that. Also a feeling that I have had and I know some of us have had where we aren’t comfortable in your own skin, or you are unhappy with your body or how it will be judged, or finding yourself covering up (I spent years doing this). But I’ve learned to let go of that over the years, and got more comfortable in my body. I think, with people in Luther’s role, the wish is that you can make everyone happy, but unfortunately the way you feel you can achieve that is if everyone does what you say, and that doesn’t always work out. I think a good leader knows when to listen, and how to inspire, not manipulate. @tom.hopperhops did an amazing job with Luther, and like the others, added a lot to the character. I think my favorite scene with Luther is the surreal out of body dance he shares with Allison (the amazing @emmyraver) Choreographed by the incredible @emmaportner! #numberone #lutherhargreeves #spaceboy #umbrellaacademy #darkhorsecomics #ucp #netflix

Un post condiviso da Gerard Way (@gerardway) in data:

 

Visto che molti di voi sono impegnati a guardare la serie televisiva, vorrei provare a pubblicare una serie di post dove parlo di ogni personaggio principale presente in Umbrella Academy. Proverò ad esaminarli tutti in ordine cronologico, quindi partirò con Numero Uno, ovvero Luther Hargreeves aka Spaceboy (i personaggi hanno tanti nomi e devo dire che è divertente stare a guardare tutti voi, compresa la stampa, provare a ricordarli tutti quanti). Credo che la tristezza di un personaggio come Luther sia perfettamente resa sul piccolo schermo. Per me rappresenta l’isolamento e l’innocenza. In lui ci sono pezzi di me e di altre persone, in quanto spesso mi sono trovato ad essere leader, ma altre volte mi sono sentito inadatto perché dovevo prendere decisioni difficili e non condivise dagli altri. Provo sempre a fare del mio meglio, non solo per il singolo individuo, ma per tutti quanti, purtroppo non è un compito semplice ed ho fallito tante volte.  Uno dei tratti che la serie televisiva ha approfondito meglio del fumetto è stata la parte horror, credo che sia stato fatto un lavoro eccellente. Inoltre anche il senso che io e molti di voi purtroppo abbiamo avuto nel corso della nostra vita, ovvero il non sentirci a nostro agio nel nostro corpo oppure essere scontenti di esso, pensando a come potrebbe essere giudicato, per poi ritrovarsi a nascondersi (ho passato anni della mia vita così).  Soltanto dopo ho imparato a lasciarmi tutto questo alle spalle e ad essere felice del mio corpo. Credo che le persone con lo stesso ruolo di Luther provino a far felici tutti coloro che lo circondano, ma sfortunatamente non sempre quello che dici di fare funziona. Credo che un buon leader sappia quando ascoltare, sappia ispirare, non manipolare. Tom Hopper ha svolto un ottimo lavoro nei panni di Luther e, proprio come tutti gli altri, è riuscito ad aggiungere molti particolari al personaggio.

Sarcastica, ironica e cinica, nasce nel 1995. Non essendo mai stata brava a parlare di sé, preferisce che siano i fatti a farlo. In tenera età viene catapultata nel mondo dei videogames e da allora non ne è più uscita. Ha una piccola (si fa per dire) passione per la programmazione, la fotografia e la musica rock. Il suo punto debole sono i bulldog ed i paesi nordici.