Le prime bombe di questo E3 sono esplose nelle ultime ore quando, in due convention separate, Xbox e Bethesda hanno rivelato i loro lavori in corso. Molti rumors sono stati finalmente confermati, l’hype è alle stelle ed i prossimi mesi si preannunciano carichi di release imponenti. Andiamo quindi per ordine, partendo dalla conferenza Microsoft.

L’Xbox è riuscita a scrollarsi di dosso il gelo degli ultimi E3, privi di grandi emozioni e, francamente, piuttosto dimenticabili di fronte alla massiccia line-up della concorrenza. Sono tornate infatti le IP storiche del calibro di Halo, Gears of War e Forza con l’annuncio di Halo Infinite, Gears of War 5 e Forza Horizon 4. Al loro fianco, tuttavia, una serie di trailer molto attesi hanno fatto urlare di gioia gli spettatori. 

In primis, un bellissimo Cyberpunk 2077 del quale abbiamo parlato. Ma il meraviglioso lavoro dei ragazzi di CD Projekt Red non era affatto solo sugli schermi. Al suo fianco, la nuova creazione made in From Software, Sekiro: Shadows Die Twice, ha messo fine alla disputa Tenchu/Bloodborne 2 scaturita dal primo teaser: in realtà, ci troviamo di fronte ad un progetto ibrido, che presenta un setting orientale alla Tenchu ed un gameplay molto vicino a quanto già visto nella serie Souls, in particolar modo ai combattimenti serrati e frenetici di Bloodborne. Inoltre, un trailer di Kingdom Hearts 3 ha portato molti sorrisi e molte sorprese, presentando, tra gli altri, i mondi di Frozen e di Monsters&Co. Il mood dei primi capitoli è rimasto invariato, sembra quasi non essere passato nemmeno un giorno da quando ci siamo separati da Sora e compagni. Bisogna solo attendere fino al prossimo 29 Gennaio. Infine, un Devil May Cry 5 che, pur essendo nell’aria, ha strappato ben più di un sorriso grazie alla sua indiscussa tamarraggine ed al chiaro tentativo di unire le atmosfere dei primi capitoli a quella di quel reboot colpevole di tante fronti grucciate. Una mossa audace, che potrebbe dare dei gran bei risultati. Inoltre ripropnendo due personaggi come Nero e Dante (quello anzianotto con i capelli bianchi, si intende) non si può sbagliare.

 Xbox e Bethesda

Convention decisamente più contenuta per Bethesda che, ad avviso della redazione, ha parlato di tutto senza parlare davvero di nulla. Finalmente abbiamo qualche dettaglio su Fallout 76 ma, francamente, sarebbe stato meglio non averlo: la Bethesda ha infatti confermato le paure di molti giocatori rivelando la natura online del progetto, oltre alla forte spinta per per le componenti di base-building già presenti in Fallout 4 e già beatamente ignorate da una buona porzione di giocatori. Tuttavia, c’è stata anche una ventata di aria fresca con il teaser per Starfield, nuova IP a stampo fantascientifico che approderà sulle console next gen nei prossimi anni. Un progetto più imminente è senza dubbio Doom Eternal, il sequel del bellissimo reboot che ha riportato in auge questo franchise nel 2016. Ed infine, l’elefante nella stanza: un breve teaser che conferma l’intenzione di portare The Elder Scrolls VI ai giocatori. Tuttavia si tratta solo di ciò: un’intenzione. Il gioco tuttora non esiste se non nelle menti dei creatori e, come confermato da Bethesda stessa, i lavori su questo nuovo capitolo inizieranno una volta conclusi quelli su Starfield che, ripetiamo, è un gioco next-gen e che, pertanto, vedrà la luce solo quando le nuove console saranno pronte. Facendo una stima, si può parlare tranquillamente del 2021 per Starfield (con un pizzico d’ottimismo), il che lascia intendere che TES VI non vedrà la luce del giorno prima di quattro o cinque anni.

Xbox e Bethesda

E questo è tutto per le prime battute di questo E3 pieno di sorprese. Potrete trovare i trailer per ogni annuncio di seguito:

Sekiro: Shadows Die Twice 

Kingdom Hearts 3

Devil May Cry 5

Fallout 76

Starfield

Doom Eternal

The Elder Scrolls VI

 

A presto con nuovi annunci e notizie flash!