Chiodotorto: La ReCeStoRtA

C’EranO una voltA due uomini sToRti che intrapResERO un CammINo vEndicaTIVo e SanguiNOSO.

BEN presto, A quesTI Due Se ne aGGIUNsero altri DUE, altretTAnto Storti e BizzARRI.

InsieME Erano ImbattiBILI.

SoltaNTO una DonNa Osò sfiDare la Loro PosTURa. EllA Li rimiSE Tutti SuLLA RettA via DonaNDO alla loRo opera, l’ordine e la linearità di cui avesse bisogno.

Chiodorto è una storia di DAriO SIcchiO, disegnata da LORENzo MaGalOTTI e JACOPo vaNni, colorata da FRANCesco SEgaLa e letterata da Maria Letizia Mirabella.

chiodotorto

Seguito spirituale di Walter Dice, come si tiene a sottolineare sulla copertina, si tratta di un thriller oscuro e violento, più splatter e dinamico del primo graphic novel sfornato dai “Sicchiolotti”. Chiodorto è la storia di un uomo storto, al quale tutto va effettivamente storto. L’incipit della vicenda riguarda infatti uno scambio di merci andato a finire nel peggiore dei modi: tutti morti… o quasi. Da qui in poi sarà un’escalation di violenza, intrighi e tradimenti. Al centro di tutto c’è lui: Anthony Scalia

Giacca verde. Sigaretta. Orologio di merda. Uscito di prigione, non fa in tempo a farsi il primo tiro che si ritrova già nei guai. Brutta storia. Bruttissima, soprattutto se tutti e tre i boss del crimine della città lo vogliono morto. Insomma, tutto sembra prevedere un ritorno a casa con i fiocchi… e un chiodo. Cosa si inventerà, a parte strafarsi di anestetico, considerato anche che la testa sembri giocargli qualche scherzetto di troppo? Siete intrigati? No? Dovreste rivolgervi al Dottor Schifo allora, ha il rimedio perfetto per voi. 

chiodotorto

Sicchio e Magalotti sono cresciuti. Credo sia evidente ed anche necessario a questo punto. Con Walter Dice si son fatti notare, con Chiodotorto direi che si son proprio fatti sentire. Hanno preso quello che sapevano fare, e l’hanno fatto meglio, rischiando molto ma, soprattutto, divertendosi. Già semplicemente sfogliando l’albo ho avuto questa impressione. 

Sicchio progetta una sceneggiatura molto più complessa e pericolosa del suo progetto precedente, che a mio avviso, sebbene intrigante, sembrava essere più attento a non voler strafare. Qui è tutto il contrario, e visto il risultato, direi che se lo sia anche potuto permettere. Con un’impostazione “molto poco italiana” che potrebbe ricordare Jason Aaron e Garth Ennis, vuoi per i dialoghi vuoi le ambientazioni, Sicchio realizza una storia che, nel panorama italiano, potrebbe rappresentare uno scossone di cui c’è bisogno. Il fumetto americano è forte in lui, si nota e ci piace. Ciò non vuole essere una critica al fumetto italiano, quanto un’osservazione su una piacevole deviazione.  

chiodotorto

Poi ci sono gli stortissimi disegni di Magalotti. Il tratto, rispetto a due anni fa, si evolve con un dinamismo e un’accortezza ai dettagli (vedi i primi piani), che rendono il lettore maggiormente coinvolto nella storia e nei gesti di ogni personaggio. L’azione è chiara e pulita e si nota come la mano si sia spinta oltre il “politically correct” che, personalmente, ho trovato in Walter Dice. Forse un pelo pesante risulta la china. Gli intermezzi del guest artist Jacopo Vanni si adattano perfettamente allo stile e al genere che la storia vuole ricalcare. Se a questi ci aggiungiamo i colori tetri e marcati di Francesco Segala, abbiamo una tavola di grande impatto e realismo.

In sintesi, un fumetto divertente e sadico che, per chi ha già letto Walter Dice, riserverà dei golosissimi easter egg. Curioso e molto gradito l’intervento non indifferente della letterer Maria Letizia Mirabella che dona un tocco tutto personale in alcune vignette.

chiodotorto

Per l’acquisto online potete cliccare qui.

CHIODOTORTO VOL.1: L'UOMO STORTO, una storia alla "Brutti, sporchi e cattivi", come gli autori Dario Sicchio e Lorenzo Magalotti;-)In anteprima al Lucca Comics & Games e a Novembre in fumetteria!!

Pubblicato da Magic Press su venerdì 27 ottobre 2017

 

Classe'93, romano. Fondatore e redattore di Fr4med, a causa di un'amicizia sbagliata si mette nei guai intorno ai 10 anni. Tra un disturbo di personalità e manie ossessivo-compulsive, si laurea in Psicologia confermando perfettamente gli stereotipi di facoltà. Ha scritto per le redazioni di Geek Area e NerdM0vie Productions. Ha un debole per l'Africa.