Cuphead

Cuphead: in arrivo la serie animata di Netflix

Nella durata di questa generazione, la Microsoft ha potuto vantare davvero poche esclusive che potessero risollevare la sorte di Xbox nella guerra tra console. Una di queste, tuttavia, è diventata uno dei giochi simbolo degli ultimi anni: Cuphead. Un gioco dall’anima indie, presentato con uno stile perfetto ispirato all’animazione degli anni ’30 e condito da una difficoltà a dir poco diabolica. D’altro canto, i gemelli Cuphead e Mugman si ritrovano a dover fronteggiare il diavolo in persona, non un compito da nulla! In una mossa che potrebbe portare un bagliore di luce nel desolato mondo dei tie-in, Netflix ha deciso di collaborare con Studio MDHR per realizzare una serie animata basata sul titolo!

The Cuphead Show!, titolo della serie, sarà supervisionato da Dave Wasson, già produttore dei Mickey Mouse Shorts. Chiaramente la persona giusta per lo stile retrò adottato dal videogame. Riusciranno i ragazzi di Netflix Animation a ricreare lo stile adeguato per un’opera così particolare? Ancora non si hanno notizie sulla data di rilascio della serie, ma di sicuro ne sentiremo parlare a breve!

A presto con tutte le news! 

Fonte: IGN

Mite ragazzo di classe ‘96, appassionato di lunga data di gaming, si dimostra un precursore quando, nel lontano 2000, viene trovato a strisciare le carte di credito dei genitori sulla PsOne per comprare un migliaio di gemme su Spyro 2. A questo incontrastato e patologico amore per le microtransazioni, si affianca l’amore per il cinema d’autore. In nome di questa passione, si imbarca in un viaggio mistico fra India, Nilo e Miami alla ricerca della vera essenza dei Cinepanettoni: è qui che, ispirato dalle note di Scatman, decide che la missione della sua vita sarà quella di scrivere il film che riunirà Boldi e De Sica. Fino ad allora, l’entusiasmo del lavoro in Fr4med sarà solo la maschera che nasconde il profondo trauma per questa atroce separazione. AGGIORNAMENTO: Dopo la spontanea riappacificazione di Boldi e De Sica, vive una profonda crisi mistico-spirituale. Arriva quindi a definirsi “profeta”, abbracciando lo stile di vita da eremita. Se lo cercate, lo troverete in una remota grotta, mentre si nutre solo di muschio e condensa ed estorcendo la modica cifra di 500€ ad ogni visitatore per delle infondate e truffaldine previsioni del Superenalotto.