[ANTEPRIMA] BAO Publishing: Melvina – Un amuleto nella Valle delle Letture Felici | Recensione

Sono molto contento di aver avuto il piacere di leggere Melvina in anteprima, perchè ora potrò metterlo nella mia libreria prima di altri! Scherzi a parte, Melvina esce il 13 Giugno ed è l’esordio in graphic novel di Rachele Aragno con BAO Publishing, e sono più che sicuro che occuperebbe un bellissimo posto tra le letture da poter leggere ai propri figli prima di dormire.

melvina

Melvina è una fiaba toccante che, con squisito animo innocente, ci presenta una protagonista adorabilmente capricciosa e determinata a raggiungere il suo scopo: diventare adulta. Dopotutto Melvina lo siamo stati tutti da piccoli, circondati da adulti che non ci davano retta e ci mettevano da parte con un “adesso no”, quindi è facile condividere con lei la stessa aspirazione. Ma… a che prezzo? Ed è da qui che l’autrice fa iniziare il viaggio di una bambina tanto curiosa e avventuriera come l’Alice di Carroll. Il suo cammino per Aldiqua sarà ricco di incontri bizzarri e risate, ma anche cosparso di insidie e nemici pronti ad ostacolarla, primo fra tutti il Magico Malcape!

Si viene dunque a creare una storia che spazia dalla tematica del viaggio a quella dell’incontro, dal riscatto alla famiglia. Melvina diventa un’avventura fittizia esemplare per affrontare un desiderio prima, una paura poi, in comune con tutti noi. Bastano poche pagine per farmi immergere totalmente nella mente fantasiosa e fantastica di Rachele, capace di mostrare come, nonostante l’esistenza di miriadi di storie del genere, sia ancora possibile far riaffiorare la nostra personalità fanciullesca. Durante la lettura infatti, mi sono tornati alla mente ricordi relativi ad alcune letture che feci da bambino firmate da Enid Mary Blyton, celebre scrittrice inglese per ragazzi, che aveva la stessa creatività esplosiva nel creare mondi fantastici. Risulta molto semplice, dunque, affezionarsi alla coppia Melvina/Rachele, vuoi per la passione o vuoi semplicemente per il tempo che l’autrice ha impiegato per mettere in ordine le idee, trattandole come un gioiello da mostrare solo quando terminato e scintillante.

Per quanto l’uso di questa parola venga abusato a tal punto da generalizzare eccessivamente alcune letture, dopo questa rapida analisi posso ritenere Melvina un’opera “formativa”. Credo sarebbe un ottimo inserimento all’interno delle letture scolastiche così da stimolare subito l’immaginazione dei più piccoli e favorire un dibattito su cosa voglia dire essere grandi. L’approccio al volume è facilitato dai sensazionali acquarelli che Rachele sfrutta appieno dando forma, colore e dimensione al magico mondo che ha in testa. Per certi versi mi ha ricordato le illustrazioni di Quentin Blake per le storie di Roal Dahl. Insomma, preparatevi perché vi aspetta un tripudio di colori tale che vi farà collocare Melvina nella vostra Valle delle Letture Felici.

In sintesi, Melvina è un altro potentissimo esempio di come una storia raccontata con cuore e intelligenza possa far breccia nelle librerie di ognuno di noi. Approfittatene. Intanto il mio augurio è di poter leggere ulteriori avventure della bambina dai capelli rossi perché, se ho ben capito, l’autrice potrebbe avere ancora qualche asso nella manica con lei ed io non vedo l’ora di leggerli. 

Affrettatevi a comprare la prima stampa del volume (che sicuramente andrà a ruba) per godere delle dieci pagine aggiuntive che BAO Publishing sta inserendo nei nuovi volumi per celebrare i suoi 10 anni. 

melvina

 

Classe'93, romano. Fondatore e redattore di Fr4med, a causa di un'amicizia sbagliata si mette nei guai intorno ai 10 anni. Tra un disturbo di personalità e manie ossessivo-compulsive, si laurea in Psicologia confermando perfettamente gli stereotipi di facoltà. Ha scritto per le redazioni di Geek Area e NerdM0vie Productions. Ha un debole per l'Africa.