Tunué: in uscita a Marzo un graphic novel ed un silent book

Il 21 Marzo usciranno per Tunué un graphic novel ed un silent book. Vediamoli! 

Gherd. La ragazza della nebbia

Marco Rocchi e Francesca Carità

Collana «Tipitondi»

tunué

L’avidità dell’uomo lo ha messo in conflitto con la natura e con tutte le altre creature del mondo, così oramai da anni il villaggio di Gherd è ricoperto da una fitta nebbia e assediato da feroci creature che spesso attaccano il suo popolo. Una bestia mostruosa ha ucciso i suoi genitori e tutto quello che desidera adesso la piccola protagonista è far sì che nessun altro provi questo dolore. Ma per farlo deve diventare un guerriero ammazzabestie, status che le è precluso perché accessibile solo ai maschi. Decisa a emanciparsi, la bambina si intrufola di nascosto alla prova di iniziazione per diventare guerriero: intraprenderà un’avventura con poste in gioco molto più grandi della semplice vendetta personale. Gherd scoprirà che serve tempo per mutare il punto di vista e accettare i cambiamenti, ma grazie alla pace e al ripudio di ogni violenza rivoluzionerà la sua storia e quello del suo popolo.

Un graphic novel che affronta il tema dell’emancipazione femminile legandolo al rispetto di tutti i popoli e della natura. Gli autori mettono in primo piano i pericoli che si corrono dimenticandosi l’importanza della convivenza e l’amore verso la comunità. Ispirato a grandi classici come Mulan, Gherd. La ragazza della nebbia è una saga che ci tiene incollati alla lettura e ci lascia a bocca aperta pronti a sognare.

Gli autori

Marco Rocchi è nato a Firenze nel 1982 dove ha lavorato per diversi editor. Con Tunué ha pubblicato, nella collana «Tipitondi», Le due metà della luna, disegnato da Francesca Carità. Sempre con Tunué ha preso parte alla pubblicazione di Stagioni. Quattro storie (e mezza) per Emergency.

Francesca Carità è nata ad Asti nel 1993, è una fumettista e illustratrice. Ha esordito, nella collana «Tipitondi», con Le due metà della luna, scritto da Marco Rocchi. Sempre con Tunué ha preso parte alla pubblicazione di Stagioni. Quattro storie (e mezza) per Emergency.

Il balcone

Kalina Muhova

Collana «Mirari»

tunué

I Muri – reali o mentali, storici o sociali – impediscono sempre allo sguardo di spaziare, al pensiero di articolarsi, alla vita di scorrere. Vanno abbattuti.

Ne Il Balcone, Kalina Muhova – illustratrice bulgara che da anni vive in Italia dove ha frequentato l’Accademia Nazionale di Belle Arti di Bologna – ci fa vedere cosa si può trovare oltre un muro. Per farlo l’autrice prende ispirazione da uno dei più famosi componimenti di Atanas Dalchev, conosciutissimo poeta bulgaro attivo nella prima metà del ‘900, autore di potentissimi testi introspettivi e vincitore del Herder Prize. L’illustrato si apre con un lentissimo zoom su una famiglia degli degli anni ‘30: una ragazzina vive in un appartamento in cui è stata murata la porta di accesso a un balcone; messa in punizione dopo aver rotto un vaso, si ritrova in piedi a fissare il muro. Grattando via la carta da parati, la piccola riesce a far filtrare nella stanza la luce dell’esterno che, come in una camera oscura, riempie la stanza cupa e permette di scoprire un mondo nascosto ma reale.

Il Balcone è una bellissima metafora della conoscenza e uno sguardo su tutto ciò che di fantastico accade nella vita.

Kalina Muhova è un’illustratrice bulgara che da anni vive in Italia dove ha frequentato l’Accademia Nazionale di Belle Arti di Bologna. È co-fondatrice del collettivo di autoproduzione Brace. Con Tunué ha pubblicato nel 2018 il graphic novel Sofia dell’Oceano, scritto da Marco Nucci; libro vincitore del Bartoli Award per il più promettente giovane autore al Festival ARF di Roma, vincitore del secondo premio come miglior fumetto al Festival Balkanska Smotra in Serbia e nominato nella Selezione Gran Guinigi del Lucca Comis & Games 2018 come uno tra i migliori fumetti pubblicati in Italia. Nello stesso anno le sue opere sono state selezionate per la mostra internazionale della Children’s Book Fair di Bologna. Con le tavole originali di Sofia dell’Oceano ha realizzato al Treviso Comic Book Festival 2018 la sua prima mostra personale.

Classe'93, romano. Fondatore e redattore di Fr4med, a causa di un'amicizia sbagliata si mette nei guai intorno ai 10 anni. Tra un disturbo di personalità e manie ossessivo-compulsive, si laurea in Psicologia confermando perfettamente gli stereotipi di facoltà. Ha scritto per le redazioni di Geek Area e NerdM0vie Productions. Ha un debole per l'Africa.