Netflix: pubblicato il trailer della seconda stagione di The Punisher

A una settimana dall’arrivo della seconda stagione di Marvel’s The Punisher, Netflix ha pubblicato il primo vero trailer. Di recente sono state pubblicate nuove foto promozionali che mostrano il viso sfigurato di Billy Russo dopo il combattimento contro Frank Castle e soltanto un paio di teaser che anticipavano ben poco. A rimediare, però, è stato lo stesso Jon Bernthal. Durante una recente intervista, l’attore ha infatti anticipato il destino di Frank Castle nella seconda stagione:

Beh, credo si tratti di scoperta. Credo che Frank sia un uomo, uno come tanti con cui si parla giornalmente – so per certo che una grande fonte di ispirazione di Steve Lightfoot è Sebastian Junger ed il libro Tribe. Per me è un lavoro speciale ed interessante. Credo che dopo aver sofferto di un trauma come essere in missione, avere una direzione e avere anche un nemico di cui sei a conoscenza ed essere affine con altre persone credo che calmi un po’ la mente. I mostri arrivano nella calma, quando non hai nulla per cui combattere e non hai alcuna direzione. La pace, certe volte, può essere ritrovata nei posti che per tante persone possono risultare spaventosi. Quando le circostanze cambiano è come se non fosse rimasto più niente di ciò che conoscevamo.  Penso che questo sia abbastanza su ciò che Frank dovrà affrontare.

Vi lasciamo alla visione del trailer pubblicato dalla piattaforma streaming.

 

La seconda stagione del Punitore arriverà a partire dal 18 gennaio su Netflix. Ancora una volta avremo occasione di vedere Jon Bernthal nei panni di Frank Castle / The Punisher, Ben Barnes come Billy Russo, Amber Rose  Revah interpreta Dinah Madani, Deborah Ann Woll è Karen PageJason R. Moore nei panni di Curtis HoyleJosh Stewart è John PilgrimFloriana Lima nei panni di Krista Dumont ed infine Giorgia Whigham è Amy Bendix.

Sarcastica, ironica e cinica, nasce nel 1995. Non essendo mai stata brava a parlare di sé, preferisce che siano i fatti a farlo. In tenera età viene catapultata nel mondo dei videogames e da allora non ne è più uscita. Ha una piccola (si fa per dire) passione per la programmazione, la fotografia e la musica rock. Il suo punto debole sono i bulldog ed i paesi nordici.