Anderson

The French Dispatch: il nuovo film di Wes Anderson

Ci sono nomi, nel cinema, capaci di evocare immediatamente un determinato stile, una certa iconografia ed un particolare modo di dirigere. Uno dei più riconoscibili del panorama odierno è senza ombra di dubbio Wes Anderson. Il regista statunitense si è fatto un nome grazie alla sua capacità di offrire un punto di vista tanto curioso quanto unico: colori pastello, simmetria e ambienti retrò la fanno da padrone, dando un’impronta chiara e definita ad ogni suo film. Grand Budapest Hotel, I Tenenbaum, Fantastic Mr. Fox ed il più recente L’isola dei Cani sono solo alcuni titoli della variegata filmografia di Anderson. E’ a questa lista che, nei prossimi anni, si unirà The French Dispatch.

Anderson

Questa nuova pellicola sarà ambientata in una redazione giornalistica parigina nel corso del 20° secolo, in quella che viene definita come una “lettera d’amore al giornalismo”. Pare, inoltre, che il film seguirà tre sottotrame distinte. Nel cast vedremo tornare molti interpreti ricorrenti per Anderson, come Bill Murray, Tilda Swinton e Frances McDormand. Al loro fianco, troveremo anche Benicio del Toro e Timothée Chalamet. Le riprese del film sono iniziate di recente, lasciando dedurre che il film vedrà la luce nel 2020.

Ulteriori news arriveranno di sicuro nei prossimi mesi.

Fonte: Coming Soon

Mite ragazzo di classe ‘96, appassionato di lunga data di gaming, si dimostra un precursore quando, nel lontano 2000, viene trovato a strisciare le carte di credito dei genitori sulla PsOne per comprare un migliaio di gemme su Spyro 2. A questo incontrastato e patologico amore per le microtransazioni, si affianca l’amore per il cinema d’autore. In nome di questa passione, si imbarca in un viaggio mistico fra India, Nilo e Miami alla ricerca della vera essenza dei Cinepanettoni: è qui che, ispirato dalle note di Scatman, decide che la missione della sua vita sarà quella di scrivere il film che riunirà Boldi e De Sica. Fino ad allora, l’entusiasmo del lavoro in Fr4med sarà solo la maschera che nasconde il profondo trauma per questa atroce separazione. AGGIORNAMENTO: Dopo la spontanea riappacificazione di Boldi e De Sica, vive una profonda crisi mistico-spirituale. Arriva quindi a definirsi “profeta”, abbracciando lo stile di vita da eremita. Se lo cercate, lo troverete in una remota grotta, mentre si nutre solo di muschio e condensa ed estorcendo la modica cifra di 500€ ad ogni visitatore per delle infondate e truffaldine previsioni del Superenalotto.