saldaPress: Skybourne – Frank Cho scatenato | Recensione

Dopo SLOTS (potete trovare la recensione qui), proseguo il post-Lucca con un’altra lettura saldaPress caratterizzata da un bellissimo volume che ci ammalia con la spettacolare miniserie di Frank Cho, Skybourne. Originariamente pubblicata per BOOM! Studios giunge in Italia in un cartonato che rende perfettamente giustizia ai disegni e alla pomposità della storia realizzata dall’autore coreano.

Skybourne è divertimento, azione e adrenalina, tutte raccolte in 144 pagine che danno libero sfogo alla fantasia ed alla sinuosità dei corpi di Cho. Che i suoi studi infermieristici abbiano influenzato il suo tratto non è cosa nuova ma rimaniamo sempre affascinanti dalla fluidità dinamica che caratterizza le sue tavole. Infonde ai suoi personaggi una grazia tale da essere l’unico in grado di poter disegnare l’essere perfetto: immortale, pelle impenetrabile e forza sovrumana. Qui, in realtà, di esseri perfetti ne abbiamo ben due: Thomas e Grace Skybourne. Esseri millenari che si prepareranno ad affrontare l’ultima persona che avrebbero mai potuto volere come nemico, Merlino. Giunto ai giorni nostri per aprire la Porta di Pandora e scatenare il caos sull’umanità, darà libero sfogo alla sua magia colma di rabbia e risentimento. In Skybourne si respira tutto l’entusiasmo di un lavoro autoriale ben riuscito e carico del desiderio quasi infantile di Cho di volersi divertire tantissimo, raccontando e disegnando quello di cui aveva voglia in quel momento. Mescolando fantasy e realtà, servizi segreti e spade magiche, si viene rapiti da un’avventura frenetica che a suon di fendenti e superforza rimbomberà per tutta la durata del volume. Sarebbe interessante e curioso per l’approfondimento del rapporto tra i personaggi, vedere un proseguo delle peripezie degli Skybourne. 

saldaPress

Si tratta di una vicenda con poche aspettative ma che, a mio avviso, riesce comunque a piacere anche solo per il già citato stile di Cho nel disegno. Personalmente, devo ammettere che si tratta di uno dei pochi disegnatori di cui potrei leggere qualsiasi cosa, anche solo per rimanere a bocca aperta dinanzi alle sue tavole. La storia gli permette inoltre di mettersi in gioco con la messa in scena di diverse creature magiche, tra cui draghi e centauri. Mastodontico è l’effetto di alcune splash page che lasciano al lettore il compito di ammirare il dettaglio nella raffigurazione di veri e propri mostri completato dagli ottimi colori di Marcio Menyz.

In sintesi, Skybourne accompagnerà benissimo una vostra pausa caffè vista l’estrema velocità con cui si lascia leggere, e magari anche rileggere. Sicuramente potrebbe essere un buon esempio di come anche una sceneggiatura non particolarmente ambiziosa possa fare la sua figura se pensata in maniera furba e capace. 

saldapress

 

Classe'93, romano. Fondatore e redattore di Fr4med, a causa di un'amicizia sbagliata si mette nei guai intorno ai 10 anni. Tra un disturbo di personalità e manie ossessivo-compulsive, si laurea in Psicologia confermando perfettamente gli stereotipi di facoltà. Ha scritto per le redazioni di Geek Area e NerdM0vie Productions. Ha un debole per l'Africa.