The Foursome Quote #20 – Citazioni in The Flash

Benvenuti carissimi lettori di Fr4med al ventesimo episodio di The Foursome Quote. Se siete nuovi arrivati eccovi un bel link al primo episodio dove vi sarà spiegato per filo e per segno in cosa consiste questa rubrica settimanale.

Il tema di questo episodio è: Citazioni sul mythos di Flash nella serie tv The Flash.

flash

 

Il serial della The CW basato sul Velocista Scarlatto pubblicato dalla DC Comics non ha decisamente bisogno di presentazioni, in quanto è diventato un fenomeno mediatico così in fretta e con tanto successo, che perfino i profani della serialità televisiva si sono approcciati allo show “perché tanto la guardano tutti”. Come succede a molti, la serie si è lasciata inglobare dal suo stesso successo e oggi non è più visivamente e narrativamente efficace come lo erano le prime stagioni. Questo non gli ha però impedito di inserire dei pregevoli omaggi, onde poteva, al mondo del fumetto. Vediamo le quattro scelte.

1:  In qualsiasi episodio in cui compare la centrale di polizia di Central City – la città difesa da Flash – compare un murale dorato che raffigura gli dei dell’Olimpo della mitologia Greca.

flash

La citazione è un riferimento al supergruppo per eccellenza della DC Comics, la Justice League, dove ogni membro è rappresentato dal una divinità del pantheon mediterraneo, proprio come aveva fatto Grant Morrison nella sua gestione su JLA. 

2: Quando il serial introdurrà il concetto di Multiverso, Barry Allen e gli altri suoi alleati faranno un viaggetto su Terra-2 (più precisamente, in Welcome To Earth-2, tredicesimo episodio della seconda stagione) e il murale nella stazione di polizia cambierà, così come cambierà la citazione di riferimento.

flash

Se su Terra-1 si citava la Justice League, su Terra-2 si citerà invece la Justice Society Of America. Il motivo della diversificazione della citazione rispetta una catalogazione avvenuta con il crossover Crisi Sulle Terre Infinite, storia che mise ordine alla continuità DC; su Terra-2, infatti, tutti i personaggi della Golden Age vennero collocati in quell’universo. La JSA è stato il primo supergruppo della storia.

3: All’inizio di ogni episodio, il protagonista “saluta” i suoi spettatori con una frase ricorrente e che non cambia mai che dice: “My name is Barry Allen and I’m the fastest man alive”.

La frase non è inventata di sana pianta dagli showrunner del serial, ma è presa a piene mani dai fumetti: più precisamente, dalla gestione di Mark Waid nel periodo in cui Wally West vestiva i panni di Flash.

flash

4: A proposito di Wally West, la versione presa dal serial non è quella che tutti i lettori di fumetti conoscono.

flash""

Dopo il reboot dei New52, il look di West cambia e appare un altro personaggio che porta il suo nome, anche lui nipote di Iris West, ma le sue origini e il suo look birazziale lo definiscono come un nuovo personaggio, che non ha niente a che vedere con il “vecchio” Wally. Dopo il rilancio editoriale Rebirth, esisteranno due Wally West: quello classico, reintrodotto dalla vecchia continuità pre-Nuovi52, e quello introdotto durante i Nuovi52. 

Classe '90, comasco. Ama così tanto la Nona Arte, che il suo corpo è fatto di carta patinata ed inchiostro, condizione fisica che l'ha sempre costretto all'ospedale. Cresciuto a pane e fumetti (e lavande gastriche) in età anagraficamente, ma non mentalmente, adulta ha sentito il bisogno di esternare i suoi pensieri riguardo la sua passione per i fumetti - ma anche cinema, serie tv, libri, musica e la pizza - attraverso la scrittura: anche se diverse ordinanze restrittive glielo impediscono legalmente. Non sa fare, quindi insegna Inglese. Ha scritto per RecenSerie, OverNews Magazine, Quarta Di Copertina e Geek Area.